Carabinieri Spagna Canarie
Associazione Nazionale Carabinieri - Sezione Estera Isole Canarie (E) c/o Consolato On. Italiano,  Calle de Cruz Verde, 10/2º -  38003 Santa Cruz de Tenerife  ESPAÑA   - Email  info@carabinieri.es  
© 2017
Ai Caduti di Nassirya   Siete   caduti   a   Nassiriya   il   12   novembre   2003.   Il   “fato”   vi   ha   voluto   bersaglio   del   proditorio attacco   da   parte   di   un   nemico   invisibile,   un   nemico   che   si   nasconde   tra   la   gente   amica,   tra   le donne,   tra   i   bambini,   ...   insensibile   alla   loro   sorte,   al   loro   benessere   sociale   e   finanche   alla loro incolumità fisica. Avete   avuto   appena   il   tempo   di   realizzare   il   pericolo   e   subito   dopo   ....   siete   andati   avanti (come dicono i vostri commilitoni per indicare i caduti). Ora   vediamo   le   vostre   spoglie,   il   cordoglio   dei   vostri   amici   sinceri   che   avete   amato   e   che   vi hanno   amato,   soprattutto   l’infinito   dolore   delle   vostre   famiglie;   vorremmo   poterli   consolare   in qualche   modo   per   consentire   loro   di   trascorrere   con   un   minimo   di   serenità   il   prossimo avvento del Santo Natale. Abbiamo   visto   la   grande   partecipazione   degli   italiani   al   lutto   dei   nostri   famigliari,   ma   abbiamo visto    anche    i    media    scavare    in    quel    dolore    con    incomprensibile    insensibilità,    con    una pervicacia senza tregua. Siamo   rimasti   stupiti   dal   gran   numero   di   italiani   che   ha   sentito   il   bisogno   di   partecipare   commossi   al   dolore   dei   vostri   familiari.   Mai   avremmo   pensato   ad una   così   vasta   partecipazione.   Dov’era   tutta   questa   gente,   e   perchè   taceva,   quando   in   “Patria”,   negli   stadi   o   in   piazza,   venivate   aggrediti   con   sassi, molotov,   insulti   e   lancio   di   sterco.   Perché   non   hanno   fatto   sentire   la   loro   voce   e   non   hanno   manifestato   il   loro   sdegno   per   quelle   minoranze   violente   ed aggressive?   Eppure   in   quei   momenti   vi   sarebbe   stato   molto   gradito   anche   solo   un   sorriso,   un   cenno   di   saluto   o   un piccolo   segno   di   solidarietà   da   parte   dei   cittadini   che   incontravate   per   strada.   Strano   a   dirsi,   sorrisi   e   ringraziamenti   li avete   trovati   proprio   lì   tra   gli   abitanti   di   Nassiriya   che   vi   hanno   apprezzati   e   confidavano   nel   vostro   lavoro   per   un futuro   più   dignitoso   e   felice.   Gli   sguardi   dei   nostri   connazionali,   invece,   vi   attraversavano   quasi   che   foste   trasparenti, per lo più esprimevano indifferenza se non addirittura di peggio. Forse   la   vostra   morte   ha   risvegliato   negli   italiani   un   senso   nazionale   sopito   da   anni?   forse   ci   si   è   resi   conto   che   non eravate   dei   manichini   in   divisa,   un   pò   tonti,   buoni   per   tante   occasioni   e   soprattutto   per   fornire   a   giovani   viziati   e   ben pasciuti   un   bersaglio   su   cui   sfogare   le   loro   inconcludenti   insoddisfazioni?   forse   ci   si   è   accorti   che   non   siete   stati costruiti   in   un   laboratorio   asettico,   ma   anche   voi   avete   genitori,   mogli,   figli   e   fratelli   e   che   anche   voi   avete   problemi   da risolvere   e   con   cui   convivere?   forse   ci   si   è   resi   conto   che   siete   partiti   coscienti   di   doverci   rappresentare   al   meglio   in un   paese   lontano   dove,   a   dispetto   delle   notevoli   risorse   energetiche,   gli   abitanti   vivono   nell’indigenza   più   completa   e devono   essere   aiutati   a   realizzare   un   contesto   sociale   che   tenga   conto   dei   più   elementari   diritti   individuali   e   collettivi? ... Forse! Eppure   eravate   sempre   gli   stessi,   prima   e   dopo   Nassiriya:   “Servitori   dello   Stato”   e   non   “servi   dello   stato”   come   talvolta   con   dispregio   individui   sconsiderati hanno   urlato   nelle   piazze   o   scritto   sui   muri   delle   vostre   Caserme. Avevate   fatto   questa   scelta   di   vita,   volontariamente,   sia   pur   con   varie   motivazioni:   molti di   voi   avevate   sognato   questa   scelta   sin   da   piccini,   altri   l’hanno   abbracciata   all’età   della   ragione,   altri   ancora   l’hanno   decisa   per   l’esigenza   di   realizzare una   sistemazione   di   lavoro;   tutti,   però,   certamente   convinti   e   consapevoli   di   dover   “Servire”,   sino   alle   estreme   conseguenze,   le   Istituzioni   volute   dagli italiani. Avete   studiato,   vi   siete   preparati   al   mestiere   delle   armi   (che   parolaccia   questa!),   vi   siete   addestrati   accuratamente   in   silenzio,   senza   sbandierare   le   vostre fatiche,   il   vostro   sudore   ed   il   vostro   impegno;   vi   siete   quasi   vergognati   di   saper   impiegare   un   fucile   o   un   cannone   o   un   carro   armato   perchè   solo   questo fatto   vi   avrebbe   caratterizzati   come   ottusi   “guerrafondai”   e   quindi   antipatici   a   chi   vorrebbe   tutti   gli   italiani   “pacifisti,   senza   se   e   senza   ma”.   Anche   voi sapevate   che   la   Pace   è   un   bene   da   salvaguardare   al   ”massimo”,   ma   sapevate   anche   che   non   sta   ai   soldati   decidere   qual   è   questo   ”massimo”   oltre   il quale   un   popolo   non   può   andare;   possono   certamente   esprimere   il   loro   parere   come   tutti   i   cittadini,   ma   il   loro   dovere   è   poi   quello   di   “obbedire”   (altra brutta parola!) alle decisioni della maggioranza ed operare bene e con efficacia sono chiamati ad operare. Eppure   questi   semplici   ed   elementari   concetti   non   sembravano   albergare   nei   tanti   italiani   che   vi circondavano   e   che,   in   alcuni   momenti,   vi   hanno   fatto   sentire   quasi   soldati   senza   Patria;   quasi come   appartenenti   ad   una   Legione   Straniera   e,   come   questi,   vi   siete   ritagliati   una   piccola   Patria all’interno   dei   vostri   Reparti   dove   è   ancora   vivo   il   ricordo   di   chi   vi   ha   preceduto   sulla   strada   del “Dovere”; qui almeno potevate confidare sul senso di cameratismo e sullo spirito di corpo. Era   rimasta   la   Bandiera,   quel   tricolore   tanto   sventolato   negli   stadi   di   calcio   per   sostenere   i   nostri giocatori   nei   vari   mundial   e   mundialiti;   nessun   sventolio   invece   per   voi   soldati   chiamati   a   compiti ben   più   gravosi   in   cui   è   indispensabile   il   supporto   e   la   considerazione   della   Nazione.   Ora,   se l’immagine   di   un   popolo   stretto   intorno   al   suo   Presidente   per   porgere   l’estremo   saluto   alle   vostre spoglie   mortali   non   è   solo   un   atteggiamento   di   mera   facciata,   si   può   finalmente   sperare   che   i vostri   commilitoni   possano   finalmente   confidare   sulla   dovuta   solidarietà   ed   avere   il   supporto materiale e, soprattutto, morale della propria gente. In tal caso il vostro sacrificio non è stato vano. Regaliamo anche noi una preghiera e un ultimo saluto a:   PIETRO   PETRUCCI:   22   annidi   Casavatore   (Napoli),   caporale   dell'Esercito.      Ne   era   stata   dichiarata   la   morte   cerebrale   poche   ore   dopo   la   strage.   Poi   è stata staccata la spina della macchina che lo teneva in vita. Petrucci era un volontario in ferma breve e in missione in Iraq con l'incarico di conduttore di automezzi. DOMENICO   INTRAVAIA:   46   anni,   di   Monreale,   appuntato   dei   CC   in   servizio   al   comando   provinciale   di   Palermo;   sposato   e   con   due   figli   di   16   e   12   anni. Lascia anche l'anziana madre, il fratello gemello e due sorelle. Era partito per l'Iraq quattro mesi fa e sarebbe dovuto rientrare fra tre giorni.   Era   già   stato   in   missione   a   Sarajevo.   I   due   figli   tenevano   un   calendario   da   cui   cancellavano   i   giorni   che   mancavano   al   ritorno   del   padre.   La   notizia ha gettato la moglie nella disperazione: «Voglio morire, senza mio marito la mia vita non ha senso». ORAZIO   MAJORANA:29   anni,   di   Catania,   Carabiniere   scelto   in   servizio   nel   battaglione   Laives-Leifers   in   provincia   di   Bolzano.   L'anziano   padre   ha appreso la notizia in Svizzera, dove si trovava per sottoporsi ad alcune visite mediche. È rientrato d'urgenza a Catania. GIUSEPPE   COLETTA:38   anni,   originario   di Avola   (Siracusa)   ma   da   tempo   residente   a   San   Vitaliano,   in   Campania,   Vice   Brigadiere   in   servizio   al   comando provinciale di Castello di Cisterna (Napoli); sposato e padre di una bambina di due anni.  Aveva perso un figlio di 5 anni per leucemia. GIOVANNI   CAVALLARO:   47   anni,   nato   in   provincia   di   Messina   e   residente   a   Nizza   Monferrato,   Maresciallo   in   servizio   al   comando   provinciale   Carabinieri di   Asti.   Era   noto   con   il   soprannome   di   “Serpico”.   Lascia   la   moglie   e   la   piccola   Lucrezia,   4   anni.   Era   già   stato   impegnato   in   altre   missioni   in   Kosovo   e   in Macedonia.   Era   da   tre   mesi   in   Iraq   e   stava   per   rientrare   a   casa.   La   sera   prima   aveva   telefonato   alla   moglie:   «Sto   preparando   la   mia   roba,   sabato finalmente torno da te e da Lucrezia. Ho voglia di abbracciarvi». ALFIO   RAGAZZI:   39   anni,   maresciallo   dei   carabinieri   in   servizio   al   Ris   di   Messina,   sposato   e   con   due   figli   di   13   e   7   anni.   Era   partito   in   luglio   e   sarebbe dovuto   rientrare   a   Messina   sabato   prossimo:   i   familiari   stavano   già   preparando   la   festa.   Era   specializzato   nelle   tecniche   di   sopralluogo   e   rilevamento   e   il suo compito era quello di istruire la polizia locale. IVAN   GHITTI:   30   anni   milanese,   carabiniere   di   stanza   al   13/mo   Reggimento   Gorizia.   Era   alla   sua   quarta   missione   di   pace   all'estero,   dopo   essere   stato   tre volte in Bosnia. Lascia i genitori e una sorella. Ieri sera lo hanno sentito per l'ultima volta al telefono: «Era assolutamente sereno e tranquillo». DANIELE   GHIONE:30   anni,   di   Finale   Ligure   (Savona),   maresciallo   dei   carabinieri   in   servizio   nella   compagnia   Gorizia.   Era   Sposato   da   poco.   Era   stato ausiliario   dell'Arma,   poi   si   era   congedato   e   iscritto   all'Associazione   carabinieri   in   congedo.   Era   ritornato   ad   indossare   la   divisa   vincendo   un   concorso   per maresciallo.   ENZO   FREGOSI:56   anni,   ex   comandante   dei   NAS   di   Livorno   dove   viveva   con   la   famiglia.   Lascia   moglie   e   due   figli,   un   maschio,   anche   lui   carabiniere,   e una ragazza che studia all'Università. Era partito per l'Iraq il 17 luglio scorso e stava rientrare in Italia. A casa stavano già preparando la festa per il suo ritorno.   ALFONSO   TRINCONE:44   anni,   era   originario   di   Pozzuoli   (Napoli)   ma   risiedeva   a   Roma   con   la   moglie   e   i   tre   figli.   Il   sottufficiale   era   in   forze   al   NOE,   il Nucleo operativo ecologico che dipende dal Ministero dell'Ambiente.    MASSIMILIANO   BRUNO:40   anni,   maresciallo   dei   carabinieri   di   origine   bolognese,   biologo   in   forza   al   Raggruppamento   Investigazioni   scientifiche   (Racis) di Roma. Viveva con la moglie a Civitavecchia. I genitori e un fratello vivono a Bologna. ANDREA   FILIPPA:   33   anni,   torinese,   carabiniere   dall'età   di   19.   Era   esperto   di   missioni   all'estero   che   lo   tenevano   costantemente   lontano   da   casa. Prestava servizio a Gorizia presso il 13° Battaglione Carabinieri. Viveva a San Pier D' Isonzo insieme alla giovane moglie, sposata nel 1998. FILIPPO   MERLINO:40   anni,   originario   di   Sant'   Arcangelo   (Potenza),   sposato.   Con   il   grado   di   Maresciallo   comandava   la   stazione   dei   Carabinieri   di Viadana (Mantova). È morto nell'ospedale di Nassirya dove era stato portato gravemente ferito. MASSIMO   FICUCIELLO:35   anni,   tenente   dell'esercito,   figlio   del   Gen.   Alberto   Ficuciello.   Funzionario   di   banca,   aveva   chiesto   di   poter   tornare   in   servizio attivo   con   il   suo   grado   di   tenente   proprio   per   partecipare   alla   missione   «Antica   Babilonia».   Grazie   alla   sua   conoscenza   delle   lingue   era   stato   inserito   nella cellula    Pubblica    Informazione    del    Col.    Scalas.    Questa    mattina    aveva    avuto    l'incarico    di    accompagnare    nei    sopralluoghi    i    produttori    di    un    film- documentario sui «Soldati di pace». Prima dell'attentato, il titolo, provvisorio, era stato cambiato in «Babilonia terra fra due fuochi».   SILVIO   OLLA:   32   anni,   dell'isola   Sant'   Antioco   (Cagliari),   Sottufficiale   in   servizio   al   151°   Reggimento   della   Brigata   Sassari.   Figlio   di   un   Maresciallo   e fratello   di   un   carrista.   Laureato   in   Scienze   Politiche,   Olla   era   in   forza   alla   cellula   Pubblica   Informazione.   È   morto   insieme   al   Ten.   Ficuciello   mentre accompagnava   nei   sopralluoghi   i   produttori   del   film.   La   conoscenza   dell'inglese   e   dei   rudimenti   dell'arabo   lo   avevano   fatto   diventare   uno   dei   punti   di riferimento per i giornalisti. EMANUELE   FERRARO:   28   anni,   di   Carlentini   (Siracusa),   caporal   maggiore   scelto   in   servizio   permanente   di   stanza   nel   6°   Reggimento   trasporti   di   Budrio (Bologna). ALESSANDRO   CARRISI:   23   anni,   di   Trepuzzi   (Lecce),   caporale   volontario   in   ferma   breve,   anche   lui   in   servizio   nel   6/o   Reggimento   trasporti   di   Budrio. Era partito per l'Iraq da poche settimane. Lascia i genitori, un fratello e una sorella. Ieri sera l'ultima telefonata a casa: «Tutto va bene. Sto andando a letto». LE DUE VITTIME CIVILI Nell'attentato sono stati coinvolti anche due civili. Si   tratta   dell'aiuto   regista   STEFANO   ROLLA,   65   anni   di   Roma   che   stava   facendo   i   sopralluoghi   per   un   film   documentario   che   avrebbe   dovuto   girare   il regista Massimo Spano e di MARCO BECI, 43 anni, funzionario della cooperazione italiana in Iraq.
Carabinieri Spagna Canarie
Associazione Nazionale Carabinieri - Sezione Estera Isole Canarie (E) c/o Consolato On. Italiano,  Calle de Cruz Verde, 10/  38003 Santa Cruz de Tenerife  ESPAÑA   - Email  info@carabinieri.es  
© 2017
Ai Caduti di Nassirya   Siete   caduti   a   Nassiriya   il 12     novembre     2003.     Il “fato”       vi       ha       voluto bersaglio     del     proditorio attacco    da    parte    di    un nemico       invisibile,       un nemico   che   si   nasconde tra   la   gente   amica,   tra   le donne,    tra    i    bambini,    ... insensibile   alla   loro   sorte, al loro benessere sociale e finanche alla loro incolumità fisica. Avete   avuto   appena   il   tempo   di   realizzare   il   pericolo   e   subito dopo   ....   siete   andati   avanti   (come   dicono   i   vostri   commilitoni   per indicare i caduti). Ora    vediamo    le    vostre    spoglie,    il    cordoglio    dei    vostri    amici sinceri   che   avete   amato   e   che   vi   hanno    amato,    soprattutto    l’infinito dolore       delle       vostre       famiglie; vorremmo      poterli      consolare      in qualche   modo   per   consentire   loro di    trascorrere    con    un    minimo    di serenità    il    prossimo    avvento    del Santo Natale. Abbiamo         visto         la         grande partecipazione   degli   italiani   al   lutto dei    nostri    famigliari,    ma    abbiamo visto   anche   i   media   scavare   in   quel   dolore   con   incomprensibile insensibilità, con una pervicacia senza tregua. Siamo   rimasti   stupiti   dal   gran   numero   di   italiani   che   ha   sentito   il bisogno   di   partecipare   commossi   al   dolore   dei   vostri   familiari. Mai    avremmo    pensato    ad    una    così    vasta    partecipazione. Dov’era   tutta   questa   gente, e   perchè   taceva,   quando   in “Patria”,    negli    stadi    o    in piazza,    venivate    aggrediti con   sassi,   molotov,   insulti   e lancio   di   sterco.   Perché   non hanno   fatto   sentire   la   loro voce        e        non        hanno manifestato    il    loro    sdegno per   quelle   minoranze   violente   ed   aggressive?   Eppure   in   quei momenti   vi   sarebbe   stato   molto   gradito   anche   solo   un   sorriso, un   cenno   di   saluto   o   un   piccolo   segno   di   solidarietà   da   parte   dei cittadini   che   incontravate   per   strada.   Strano   a   dirsi,   sorrisi   e ringraziamenti    li    avete    trovati    proprio    lì    tra    gli    abitanti    di Nassiriya    che    vi    hanno    apprezzati    e    confidavano    nel    vostro lavoro   per   un   futuro   più   dignitoso   e   felice.   Gli   sguardi   dei   nostri connazionali,     invece,     vi     attraversavano     quasi     che     foste trasparenti,     per     lo     più     esprimevano     indifferenza     se     non addirittura di peggio. Forse    la    vostra    morte    ha    risvegliato    negli    italiani    un    senso nazionale    sopito    da    anni?    forse    ci    si    è    resi    conto    che    non eravate   dei   manichini   in   divisa,   un   pò   tonti,   buoni   per   tante occasioni   e   soprattutto   per   fornire   a   giovani   viziati   e   ben   pasciuti un   bersaglio   su   cui   sfogare   le   loro   inconcludenti   insoddisfazioni? forse   ci   si   è   accorti   che   non   siete   stati   costruiti   in   un   laboratorio asettico,   ma   anche   voi   avete   genitori,   mogli,   figli   e   fratelli   e   che anche   voi   avete   problemi   da   risolvere   e   con   cui   convivere?   forse ci     si     è     resi     conto     che     siete     partiti     coscienti     di     doverci rappresentare   al   meglio   in   un   paese   lontano   dove,   a   dispetto delle      notevoli      risorse      energetiche,      gli      abitanti      vivono nell’indigenza   più   completa   e   devono   essere   aiutati   a   realizzare un   contesto   sociale   che   tenga   conto   dei   più   elementari   diritti individuali e collettivi? ... Forse! Eppure    eravate    sempre    gli    stessi,    prima    e    dopo    Nassiriya: “Servitori   dello   Stato”   e   non   “servi   dello   stato”   come   talvolta   con dispregio    individui    sconsiderati    hanno    urlato    nelle    piazze    o scritto    sui    muri    delle    vostre    Caserme.    Avevate    fatto    questa scelta   di   vita,   volontariamente,   sia   pur   con   varie   motivazioni: molti   di   voi   avevate   sognato   questa   scelta   sin   da   piccini,   altri l’hanno    abbracciata    all’età    della    ragione,    altri    ancora    l’hanno decisa   per   l’esigenza   di   realizzare   una   sistemazione   di   lavoro; tutti,   però,   certamente   convinti   e   consapevoli   di   dover   “Servire”, sino alle estreme conseguenze, le Istituzioni volute dagli italiani. Avete   studiato,   vi   siete   preparati   al   mestiere   delle   armi   (che parolaccia     questa!),     vi     siete     addestrati     accuratamente     in silenzio,   senza   sbandierare   le   vostre   fatiche,   il   vostro   sudore   ed il   vostro   impegno;   vi   siete   quasi   vergognati   di   saper   impiegare un   fucile   o   un   cannone   o   un   carro   armato   perchè   solo   questo fatto   vi   avrebbe   caratterizzati   come   ottusi   “guerrafondai”   e   quindi antipatici   a   chi   vorrebbe   tutti   gli   italiani   “pacifisti,   senza   se   e senza   ma”.   Anche   voi   sapevate   che   la   Pace   è   un   bene   da salvaguardare   al   ”massimo”,   ma   sapevate   anche   che   non   sta   ai soldati    decidere    qual    è    questo    ”massimo”    oltre    il    quale    un popolo   non   può   andare;   possono   certamente   esprimere   il   loro parere   come   tutti   i   cittadini,   ma   il   loro   dovere   è   poi   quello   di “obbedire”   (altra   brutta   parola!)   alle   decisioni   della   maggioranza ed operare bene e con efficacia sono chiamati ad operare. Eppure   questi   semplici   ed   elementari   concetti   non   sembravano albergare   nei   tanti   italiani   che   vi   circondavano   e   che,   in   alcuni momenti,   vi   hanno   fatto   sentire   quasi   soldati   senza   Patria;   quasi come   appartenenti   ad   una   Legione   Straniera   e,   come   questi,   vi siete   ritagliati   una   piccola   Patria   all’interno   dei   vostri   Reparti dove   è   ancora   vivo   il   ricordo   di   chi   vi   ha   preceduto   sulla   strada del    “Dovere”;    qui    almeno    potevate    confidare    sul    senso    di cameratismo e sullo spirito di corpo. Era   rimasta   la   Bandiera,   quel   tricolore   tanto   sventolato   negli stadi   di   calcio   per   sostenere   i   nostri   giocatori   nei   vari   mundial   e mundialiti;   nessun   sventolio   invece   per   voi   soldati   chiamati   a compiti   ben   più   gravosi   in   cui   è   indispensabile   il   supporto   e   la considerazione   della   Nazione.   Ora,   se   l’immagine   di   un   popolo stretto   intorno   al   suo   Presidente   per   porgere   l’estremo   saluto alle   vostre   spoglie   mortali   non   è   solo   un   atteggiamento   di   mera facciata,    si    può    finalmente    sperare    che    i    vostri    commilitoni possano   finalmente   confidare   sulla   dovuta   solidarietà   ed   avere   il supporto materiale e, soprattutto, morale della propria gente. In tal caso il vostro sacrificio non è stato vano. Regaliamo anche noi una preghiera e un ultimo saluto a:   PIETRO   PETRUCCI:   22   annidi   Casavatore   (Napoli),   caporale dell'Esercito.      Ne   era   stata   dichiarata   la   morte   cerebrale   poche ore   dopo   la   strage.   Poi   è   stata   staccata   la   spina   della   macchina che   lo   teneva   in   vita.   Petrucci   era   un   volontario   in   ferma   breve   e in missione in Iraq con l'incarico di conduttore di automezzi. DOMENICO   INTRAVAIA:   46   anni,   di   Monreale,   appuntato   dei CC   in   servizio   al   comando   provinciale   di   Palermo;   sposato   e   con due   figli   di   16   e   12   anni.   Lascia   anche   l'anziana   madre,   il   fratello gemello   e   due   sorelle.   Era   partito   per   l'Iraq   quattro   mesi   fa   e sarebbe dovuto rientrare fra tre giorni.   Era   già   stato   in   missione   a   Sarajevo.   I   due   figli   tenevano un   calendario   da   cui   cancellavano   i   giorni   che   mancavano   al ritorno     del     padre.     La     notizia     ha     gettato     la     moglie     nella disperazione:   «Voglio   morire,   senza   mio   marito   la   mia   vita   non ha senso». ORAZIO   MAJORANA:29   anni,   di   Catania,   Carabiniere   scelto   in servizio   nel   battaglione   Laives-Leifers   in   provincia   di   Bolzano. L'anziano    padre    ha    appreso    la    notizia    in    Svizzera,    dove    si trovava    per    sottoporsi    ad    alcune    visite    mediche.    È    rientrato d'urgenza a Catania. GIUSEPPE   COLETTA:38   anni,   originario   di Avola   (Siracusa)   ma da    tempo    residente    a    San    Vitaliano,    in    Campania,    Vice Brigadiere    in    servizio    al    comando    provinciale    di    Castello    di Cisterna   (Napoli);   sposato   e   padre   di   una   bambina   di   due   anni.     Aveva perso un figlio di 5 anni per leucemia. GIOVANNI   CAVALLARO:   47   anni,   nato   in   provincia   di   Messina   e residente     a     Nizza     Monferrato,     Maresciallo     in     servizio     al comando    provinciale    Carabinieri    di    Asti.    Era    noto    con    il soprannome   di   “Serpico”.   Lascia   la   moglie   e   la   piccola   Lucrezia, 4   anni.   Era   già   stato   impegnato   in   altre   missioni   in   Kosovo   e   in Macedonia.   Era   da   tre   mesi   in   Iraq   e   stava   per   rientrare   a   casa. La   sera   prima   aveva   telefonato   alla   moglie:   «Sto   preparando   la mia   roba,   sabato   finalmente   torno   da   te   e   da   Lucrezia.   Ho   voglia di abbracciarvi». ALFIO   RAGAZZI:   39   anni,   maresciallo   dei   carabinieri   in   servizio al   Ris   di   Messina,   sposato   e   con   due   figli   di   13   e   7   anni.   Era partito   in   luglio   e   sarebbe   dovuto   rientrare   a   Messina   sabato prossimo:    i    familiari    stavano    già    preparando    la    festa.    Era specializzato   nelle   tecniche   di   sopralluogo   e   rilevamento   e   il   suo compito era quello di istruire la polizia locale. IVAN   GHITTI:   30   anni   milanese,   carabiniere   di   stanza   al   13/mo Reggimento    Gorizia.    Era    alla    sua    quarta    missione    di    pace all'estero,   dopo   essere   stato   tre   volte   in   Bosnia.   Lascia   i   genitori e   una   sorella.   Ieri   sera   lo   hanno   sentito   per   l'ultima   volta   al telefono: «Era assolutamente sereno e tranquillo». DANIELE     GHIONE:30     anni,     di     Finale     Ligure     (Savona), maresciallo   dei   carabinieri   in   servizio   nella   compagnia   Gorizia. Era   Sposato   da   poco.   Era   stato   ausiliario   dell'Arma,   poi   si   era congedato   e   iscritto   all'Associazione   carabinieri   in   congedo.   Era ritornato    ad    indossare    la    divisa    vincendo    un    concorso    per maresciallo.   ENZO   FREGOSI:56   anni,   ex   comandante   dei   NAS   di   Livorno dove    viveva    con    la    famiglia.    Lascia    moglie    e    due    figli,    un maschio,    anche    lui    carabiniere,    e    una    ragazza    che    studia all'Università.   Era   partito   per   l'Iraq   il   17   luglio   scorso   e   stava rientrare in Italia. A casa stavano già preparando la festa per il suo ritorno.   ALFONSO    TRINCONE:44    anni,    era    originario    di    Pozzuoli (Napoli)    ma    risiedeva    a    Roma    con    la    moglie    e    i    tre    figli.    Il sottufficiale   era   in   forze   al   NOE,   il   Nucleo   operativo   ecologico che dipende dal Ministero dell'Ambiente.    MASSIMILIANO   BRUNO:40   anni,   maresciallo   dei   carabinieri   di origine     bolognese,     biologo     in     forza     al     Raggruppamento Investigazioni   scientifiche   (Racis)   di   Roma.   Viveva   con   la   moglie a Civitavecchia. I genitori e un fratello vivono a Bologna. ANDREA   FILIPPA:   33   anni,   torinese,   carabiniere   dall'età   di   19. Era   esperto   di   missioni   all'estero   che   lo   tenevano   costantemente lontano    da    casa.    Prestava    servizio    a    Gorizia    presso    il    13° Battaglione   Carabinieri.   Viveva   a   San   Pier   D'   Isonzo   insieme alla giovane moglie, sposata nel 1998. FILIPPO     MERLINO:40     anni,     originario     di     Sant'    Arcangelo (Potenza),   sposato.   Con   il   grado   di   Maresciallo   comandava   la stazione     dei     Carabinieri     di     Viadana     (Mantova).     È     morto nell'ospedale    di    Nassirya    dove    era    stato    portato    gravemente ferito. MASSIMO   FICUCIELLO:35   anni,   tenente   dell'esercito,   figlio   del Gen.   Alberto   Ficuciello.   Funzionario   di   banca,   aveva   chiesto   di poter   tornare   in   servizio   attivo   con   il   suo   grado   di   tenente   proprio per   partecipare   alla   missione   «Antica   Babilonia».   Grazie   alla sua    conoscenza    delle    lingue    era    stato    inserito    nella    cellula Pubblica   Informazione   del   Col.   Scalas.   Questa   mattina   aveva avuto   l'incarico   di   accompagnare   nei   sopralluoghi   i   produttori   di un   film-documentario   sui   «Soldati   di   pace».   Prima   dell'attentato, il   titolo,   provvisorio,   era   stato   cambiato   in   «Babilonia   terra   fra due fuochi».   SILVIO    OLLA:    32    anni,    dell'isola    Sant'    Antioco    (Cagliari), Sottufficiale    in    servizio    al    151°    Reggimento    della    Brigata Sassari.    Figlio    di    un    Maresciallo    e    fratello    di    un    carrista. Laureato    in    Scienze    Politiche,    Olla    era    in    forza    alla    cellula Pubblica    Informazione.    È    morto    insieme    al    Ten.    Ficuciello mentre   accompagnava   nei   sopralluoghi   i   produttori   del   film.   La conoscenza   dell'inglese   e   dei   rudimenti   dell'arabo   lo   avevano fatto diventare uno dei punti di riferimento per i giornalisti. EMANUELE    FERRARO:    28    anni,    di    Carlentini    (Siracusa), caporal   maggiore   scelto   in   servizio   permanente   di   stanza   nel   Reggimento trasporti di Budrio (Bologna). ALESSANDRO   CARRISI:   23   anni,   di   Trepuzzi   (Lecce),   caporale volontario    in    ferma    breve,    anche    lui    in    servizio    nel    6/o Reggimento   trasporti   di   Budrio.   Era   partito   per   l'Iraq   da   poche settimane.   Lascia   i   genitori,   un   fratello   e   una   sorella.   Ieri   sera l'ultima telefonata a casa: «Tutto va bene. Sto andando a letto». LE   DUE   VITTIME   CIVILI   Nell'attentato   sono   stati   coinvolti   anche due civili. Si   tratta   dell'aiuto   regista   STEFANO   ROLLA,   65   anni   di   Roma che   stava   facendo   i   sopralluoghi   per   un   film   documentario   che avrebbe   dovuto   girare   il   regista   Massimo   Spano   e   di   MARCO BECI, 43 anni, funzionario della cooperazione italiana in Iraq.